La fata del lago - Leggenda aostana

La fata del lago - Leggenda aostana

 

Nella conca di Prêz si possono rilevare le tracce di un antichissimo lago, la cui  memoria si perde nel tempo.

Neppure i più vecchi lo videro con i loro occhi; ma, per sentito dire, raccontavano che, nei tempi dei tempi, sulle sue rive ridenti d'erbe e fiori viveva in una grotta una fata.

Con la gente non era né buona né cattiva; ma si prendeva cura del lago, così che le acque, sempre limpide e pure, donavano piacevole frescura ai boschi circostanti e, defluendo, irrigavano campi e prati, che erano verdi e rigogliosi.

Della fata i montanari conoscevano soltanto la voce, perché, quando era felice, cantava, ed il suo canto dolcissimo si spandeva per tutta la vallata. Si diceva che fosse assai bella, ma nessuno l'aveva mai accertato coi suoi occhi, poiché la fata non voleva essere vista ed evitava la presenza umana, spesso trasformandosi in serpe, per nascondersi meglio.

Un giorno due pastorelli, che sedevano tranquilli al riparo di una roccia, udirono levarsi un canto a non molta distanza da loro.

«E' una donna che canta», disse il maggiore. «Ma non conosco donna che sappia cantare così.» La voce s'avvicinava. I ragazzi rimasero immobili in ascolto, trattenendo persino il respiro. Quando la melodia si spense, nessuno dei due si azzardava a parlare, per timore di rompere l'incanto. Ed ecco che la fata sbucò da uncespuglio, avvolta come in un manto dai lunghi capelli dorati. I pastorelli non avevano mai visto una creatura di tanta bellezza, né chioma così lucente, né occhi simili a quelli, del colore del cielo specchiato nell'acqua.

«E' la fata del lago», bisbigliò il più piccino. «Sssst!», lo zittì l'altro, timoroso di spaventarla. Troppo tardi: la fata si era accorta della loro presenza.

Si coprì anche il volto con i biondi capelli e fuggì verso il lago, così rapida e leggera che l'erba non si piegava neppure sotto i suoi passi. Seguendo il primo impulso, i pastorelli la inseguirono; ma la persero in breve di vista e, giunti sulla riva, si fermarono, per cercare una traccia che non poterono trovare.

A un tratto, sull'altra sponda del lago, scorsero una grossa serpe dalle squame d'oro che brillavano al sole. Non sapevano che ci fossero serpenti così grandi: fuggirono spaventati, rinunciando a cercare la fata.

Per giorni e giorni non si sentì più cantare in riva al lago. Ma spesso chi si trovava a passare di lì avvistava la serpe, che tosto si sottraeva agli sguardi con guizzo repentino.

Un giorno un cacciatore di Fontainemore la sorprese mentre si sporgeva da una pietra sull'acqua per contemplarvisi, come in uno specchio.

Era lì, immobile, senza alcun sospetto, distesa sulla roccia, con le sue scaglie dai bagliori d'oro.

L'uomo imbracciò il fucile e sparò un colpo.

Colpita a morte, la serpe si lasciò scivolare nel lago.

In breve le onde ribollirono  di sangue. Poi, lentamente, il livello dell'acqua calò. I flutti presero a defluire nel torrente Pacolla, e di lì si riversarono nel Lys, tingendolo di rosso.

Con la fata serpe morì anche il suo lago.

Sorgenti fino allora abbondanti si inaridirono all'improvviso.

La conca del Prêz si prosciugò e tutto, attorno, intristì a poco a poco. Sulle rive scomparve ogni traccia di vegetazione; lungo il declivio, non più irrigato, il suolo si fece arido e brullo.

 

A. Dumas - Il tulipano nero

Romanzo di Alexandre Dumas padre scritto in collaborazione con Auguste Maquet nel 1850. Un racconto d'amore e di spionaggio industriale...

La metamorfosi - Kafka

La metamorfosi è l’opera più nota dello scrittore boemo. Il racconto comincia con la trasformazione del protagonista in un insetto enorme....

Esopo - Favole

Esopo, dallo spirito argutissimo e geniale, compose numerose favole, spesso riferite agli animali, ma con trasparenti allusioni al mondo degli uomini.

Il richiamo della foresta

Il romanzo è ambientato inizialmente in California, nella soleggiata Santa Clara Valley, nel 1897. Il cane Buck, figlio di un maschio sanbernardo e di una madre pastore scozzese ...

L'Isola del Tesoro

« Quindici uomini sulla cassa del morto, yo-ho-ho! E una bottiglia di rum! Il vino e il diavolo hanno fatto il resto, yo-ho-ho! E una bottiglia di rum! »(La canzone dei pirati de L'isola del tesoro)

Ventimila leghe sotto i mari

E' uno dei romanzi anticipatori della fantascienza più conosciuti di Jules Verne (1828-1905). Un misterioso mostro marino affonda le navi che incontra lungo il suo percorso ...

La capanna dello zio Tom

La vicenda si svolge dapprima nel Kentucky, prima dell'abolizione della schiavitù, dove un proprietario di schiavi ricco di umanità, Arthur Shelby, è costretto a vendere ad Haley, .....

Zanna Bianca

Zanna bianca è figlio di una cagna mezzosangue e di un lupo. Unico sopravvissuto della cucciolata, deve immediatamente cimentarsi con il mondo circostante, quello delle terre selvagge dell'Alaska. Si

la_tigre_della_malesia

La mezzanotte del 20 aprile 1847, un acquazzone diluviale, accompagnato da scrosci di folgore e da impetuosi soffi di vento subissava la solitaria e selvaggia Mompracem, isola situata ...

diritto all'alimentazione

Un fumetto realizzato dai ragazzi per i ragazzi sul diritto all'alimentazione

straccino e il reame di pezza

Sai chi è straccino? Se lo vuoi conoscere leggi il libro

la storia di Sicì e Lia

Ebbene, forse voi non ci crederete, fu
proprio la dea dell’Amore, che decise di
intervenire. I soldati e le guardie non avevano più
la forza di combattere, i cavalli sbandavano .....

La fiaba di Ùquart e Spumella

Un giovane e triste re condannato al buio da un'antica maledizione, tra scoiattoli, leopardi e falchi ai suoi ordini e una fanciulla ignara di quanto sta per accadere: una favola per piccoli e grandi

LA STORIA DI CAPPUCCETTO ROSSO RACCONTATA DAL LUPO

rileggi la storia di "cappuccetto rosso" raccontata dal lupo